Today I Like: Glamacoustic

“Come si sta bene quando si sta bene!” diceva sempre mia nonna. E in effetti è vero anche quando si parla di interni: se l’ambiente è in grado di garantire una condizione di benessere alle persone, le persone si sentono bene e vivono bene. Banale ma vero.

E il comfort acustico è uno dei fattori che più contribuiscono al miglioramento del benessere delle persone all’interno di un ambiente grazie ad una riduzione dei rumori provenienti dall’esterno e un contenimento di quelli prodotti all’interno. Mai provato l’impulso irresistibile a scappare da un ristorante troppo rumoroso? O il fastidio di non riuscire a distinguere bene le parole durante una conversazione a causa del troppo rumore di fondo? O la frustrazione data dal non poter eliminare i rumori provenienti dal traffico che impediscono la concentrazione?

Spesso però le soluzioni “standard” hanno lo svantaggio di non essere il top dell’estetica, fatta eccezione per qualche pannello fonoassorbente dal design scandinavo.

Per questo la mia attenzione è stata attirata da Glamacoustic, una carta da parati fonoassorbente. “Le performances superiori del materiale garantiscono prestazioni elevate di isolamento acustico, riduzione del riverbero e assorbimento dell’effetto eco” dicono da Glamora. “Glamacoustic è un rivestimento vinilico da parete, strutturato in strati differenziati per ottenere il miglior comfort acustico negli ambienti. Questo consiste in un esatto equilibrio tra assorbimento e riflessione delle onde sonore all’interno di un ambiente con eliminazione dell’effetto “eco” e con un contemporaneo isolamento dalle onde sonore provenienti dall’esterno”.

Se realmente fa quello che promette, allora abbiamo trovato una “bella” soluzione.