Un open space senza porte

Navigando su Est Magazine, un sito australiano sempre fonte di ispirazione, mi sono imbattuta in questo appartamento di 180 mq che l’architetto Gidi Bar Orian ha progettato a Tel Aviv.

I proprietari, una coppia con due bambini, avevano espressamente chiesto un reale open space, motivo per cui – come spiega Oren Yonayov, il proprietario – all’interno dell’appartamento, caratterizzato da un ricercato stile industriale, non ci sono porte. Neanche in bagno.

Per questo motivo, per rendere evidente il passaggio tra la zona living e le zone private, l’architetto ha optato per un cambio di materiali su pavimenti e pareti di bagni e camere.

Non c’è neanche la porta di ingresso, perché al suo posto c’è l’ascensore privato: i proprietari, entrambi cresciuti in famiglie in cui la cucina era il vero cuore della casa, hanno scelto di proseguire la tradizione e accogliere gli ospiti al loro arrivo direttamente nell’area destinata alla preparazione del cibo e arredata con una grande cucina nera ad isola di Vipp.

Est-Magazine-Tel-Aviv-Kitchen8

Est-Magazine-TelAviv-Livingroom

Est-Magazine-Tel-Aviv-Bathroom

Est-Magazine-Tel-Aviv-Hallway

Est-Magazine-Tel-Aviv-Kitchen